ancora testo

9 settembre, 2007

Finito di sistemare le parti mancanti su un paio di capitoli e aggiunto le conclusioni alla fine.
Capitolo 4 – Caratteristiche, definizioni, origini.
Capitolo 5 – Estetica
               7 – Conclusioni

Annunci

Dunque, le strade per lo sviluppo del progetto risultano essere due.

Una è quella del diagramma di Voronoi. Rimetto qui sotto tutti i link relativi che ho trovato man mano.
1 – esempio di Paul Chew
2 – algoritmo per il diagramma di Voronoi in CGAL
3 – il diagramma su Wikipedia
4 – altro algoritmo sempre su Wikipedia
5 – algoritmo, su Geometry in action
6 – esempio in cui le celle crescono a partire dai punti scelti a caso
7 – formule matematiche
8 – altra ricerca
9 – Voronoi su MathWorld

L’altra è quella suggerita da Ken Brakke di animare il problema dell’albero di Steiner.
1 – Wikipedia
2 – altra pagina

Qualche immagine per dare un’idea dell’aspetto grafico che potrebbe avere il tutto alla fine.
1 – bolle su un piano, viste dall’alto; la struttura.
2 – sembrano proprio delle bolle

ricerca bolle.2

28 agosto, 2007

Ho iniziato a ricevere alcune risposte.

Paul Chew (autore dell’esempio sul diagramma di Voronoi):
dice che questo diagramma assomiglia alle bolle ma le regole sono diverse e lui non ne sa molto di bolle, quindi non può essermi d’aiuto.

Ken Brakke:
dopo avergli spiegato bene la mia idea e da che tipo di preparazione vengo mi ha suggerito questo:
I suggest animating the Steiner Tree problem.
Given a set of points in a plane, the Steiner tree is the set of line segments connecting all the points together with the shortest total length. If the points were cities, then the Steiner tree would be the shortest possible road network joining all the cities.
The line segments may meet at the points, or they may meet three at a time at new junction points, called Steiner points.
It turns out that the segments meet at equal 120 degree angles at Steiner points.

Also, I have attached images of Steiner trees on a 2×4 grid of 8 points (steiner8.jpg), and a 3×3 grid of 9 points (steiner9.jpg).

Here is an algorithm:
1. Start with a set of points in a plane (these can be picked interactively).
2. Connect all the point somehow with line segments so all the points are connected to each other but no segments cross and there are no
loops.
3. Find a point where two segments meet at less than 120 degrees. If this point is a Steiner point, then move the Steiner point a short
distance in the direction between the two segments. If this point is one of the original points, then make a new Steiner point moved away a
short distance from the original point.
4. Plot the points and line segments.
5. Go back to step 3.

aggiornamento

21 agosto, 2007

Introduzione
Capitolo 1 – Il digitale
Capitolo 2 – Artisti e progetti
Capitolo 3 – Riflessioni generali
Capitolo 4 – Estetica
Capitolo 5 – Il mio progetto
Bibliografia

Ho lavorato ancora su questi testi e un capitolo si è diviso in due; titoli non ancora definitivi.

riorganizzazione

6 agosto, 2007

Ho rivisto la scaletta e credo che questa possa davvero essere la forma definitiva, sembra che finalmente i pezzi inizino a prendere il loro posto. Allora:
introduzione
Capitolo 1 . Il digitale e Maeda
Capitolo 2 . Processign, esempi progetti e altri artisti
Capitolo 3 . Arte generativa in generale. Riflessioni
Capitolo 4 . Il mio progetto – idea
Capitolo 5 . Il mio progetto – sviluppo
Bibliografia

Può darsi che il terzo capitolo subisca ulteriore divisione se dovessero definirsi varie linee da sviluppare.

sulla struttura

24 luglio, 2007

Ridefinita la struttura generale e di conseguenza le categorie del blog. I capitoli dovrebbero essere questi, anche se i nomi non sono ancora definitivi:
1 – Prefazione (finita)
2 – Introduzione generale (a metà, vedi post successivi)
3 – Panoramica artisti (fatti Maeda, Davis e Processing, da aggiungere qualcun altro)
4 – Esempi di progetti con Processing (working)
5 – Il mio progetto – idea (vedi post successivi)
6 – Il mio progetto – sviluppo e relazione finale